Close

NASCITA DEL BOB CUT O CARRÈ | LA RIBELLIONE DEL GENTIL SESSO

Oggi facciamo un po’ di storia e cerchiamo di capire quali sono le origini del taglio corto, come e’ nato e come e’ stato accolto dalla societa’ del tempo…..

 

 

Era il circa il 1915 quando la ballerina Irene Castle si presentò sul palco con i capelli tagliati corti all’altezza della mandibola, scelta che suscitò scalpore e, in alcuni casi, disdegno da parte di quella che era la società del tempo.

Fino alla fine del XIX secolo la donna era una figura passiva, estromessa da qualsiasi tipo di scelta, intrappolata all’interno di un costume comune che la rilegava in casa a sfaccendare con capelli lunghi che spesso venivano raccolti in trecce o chignon.

Gli inizi del XX secolo segnano l’inizio di un cambiamento, la donna esce fuori dagli schemi in cui era stata confinata nei secoli passati……..come?

 

Tagliando i capelli ovviamente, quei capelli lunghi che per lungo tempo sono stati l’emblema della schiavitù femminile.

 

Nasce cosi’ un modello di donna atipica, esce da sola, guida, fuma e beve in pubblico, cosa impensabile fino a poco prima; questo nuovo stile di donna verra’ chiamato FLAPPER, stile a cui si ispira il celebre personaggio dei cartoni animati di un tempo, BETTY BOOP.

Ogni movimento culturale ha dei segni di riconoscimento e quello delle flapper era il BOB CUT, chiamato così negli USA poiché “Bob” era il tipico nome da uomo e questo taglio corto dava alla donna flapper una certa mascolinità.

L’effetto del “Bobbing” diede una grande spinta all’industria della bellezza ed i saloni da parrucchiere si moltiplicarono nel giro di poco tempo, questo fenomeno fu’ cosi’ forte che persino il Washington Post pubblico’ un articolo in cui descriveva gli effetti benefici che questa nuova moda aveva portato nel mondo della bellezza.

Ovviamente questo fu’ solo l’inizio del processo di emancipazione della donna che nei decenni successivi continuò ad evolversi e creare nuovi stili e tendenze che ancora oggi sono ben visibili nella società moderna e che vedremo insieme nei prossimi articoli.

 

 

 

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *